Alici e acciughe, sapete riconoscerle?

Spaghetti con pesce spada e pomodorini
9 Giugno 2017
Spiedini di zucchine e gamberetti
14 Luglio 2017

Molte persone fanno confusione tra le alici e le acciughe a causa del parlare comune, definendo le alici gli esemplari più piccoli e le acciughe quelli più grandi.

Con il termine acciughe si intendono i pesci interi conservati sotto sale e con il termine alici gli stessi pesci sfilettati e messi sott’olio.

Proviamo a fare chiarezza e schiarirvi le idee:

Conoscete o avrete sentito parlare del pesce azzurro, alleato della nostra salute, una categoria alla quale appartengono generalmente tutti quei pesci di piccole dimensioni con squame sulla parte superiore tendente al blu e quelle sul ventre di color argenteo, le alici fanno parte di  questa famiglia del pesce insieme allo sgombro e le sardine.

Le alici sono appunto pesci piccoli dal muso appuntito, un corpo a forma affusolata lungo circa 18 centimetri e squame con sfumature dorate.

Sono pesci delicati e saporiti che comportano diversi benefici avendo diverse proprietà nutritive, infatti sono ricche di omega-3, calcio, fosforo e selenio. Per riconoscere un’alice fresca bisogna osservarla attentamente: il colorito deve essere argenteo con delle sfumature rossastre intorno alle branchie, l’occhio deve essere vivo e con la pupilla nera.

Un altro tipo di pesce che fa parte di questa famiglia è l’acciuga, il cui nome scientifico corrisponde a Engraulis Encrasicolus.

E’ un pesce piccolo con una lunghezza compresa tra 10 e 20 cm, ha occhi sporgenti e la bocca grande, il dorso è verdastro e il ventre bianco.

E’ anch’esso un pesco dagli incredibili valori nutrizionali, prevenendo le malattie cardiovascolari e pulendo il sangue dai trigliceridi.

In ogni caso sono entrambi gustosi, economici e consigliati per la preparazione di gustosissimi antipasti o primi piatti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *